Accedi
Ricerca Avanzata

€ 0 a € 2.000.000

Altre opzioni di ricerca
Abbiamo trovato 0 risultati. Vuoi caricare i risultati ora?
Ricerca Avanzata

€ 0 a € 2.000.000

Altre opzioni di ricerca
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

INFORMAZIONI SULLE IMPOSTE E LE TARIFFE APPLICATE

Un breve riepilogo sulle imposte e le tariffe che vengono applicate nei contratti di locazione e vendita di un immobile.

IMPOSTE NEI CONTRATTI DI LOCAZIONE
Per la registrazione di un contratto di locazione sono dovute l’imposta di registro e l’imposta di bollo nella misura seguente:
FABBRICATI A USO ABITATIVO
2% canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità.
FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA
1% del canone annuo se la locazione è effettuata da soggetti passivi IVA e 2% del canone negli altri casi.
FONDI TURISTICI
0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità.
ALTRI IMMOBILI
2% del corrispettivo annuo per il numero delle annualità.
Per i contratti di locazione ad uso abitativo a “canone concordato” riguardanti gli immobili che si trovano in uno dei Comuni ad elevata tensione abitativa il corrispettivo annuo da considerare per il calcolo dell’imposta è il 70 % (riduzione 30%).
Sul deposito cauzionale non è dovuta l’imposta di registro e l’imposta di bollo è pari a 16 € ogni 4 facciate scritte del contratto o comunque ogni 100 righe.
Il regime facoltativo “della cedolare secca” annulla l’imposta del registro e l’imposta di bollo ordinariamente dovuta se scelta come opzione iniziale.
Quando l’opzione viene esercitata nel corso del contratto la registrazione segue le regole ordinarie e la prosecuzione alle esenzioni.

IMPOSTE NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA
Le imposte nei trasferimenti immobiliari relativi ad immobili ad uso civile abitazione sono per l’acquisto della prima casa tra privati (venditore e acquirente) pari al 2% del valore catastale dell’immobile con un minimo di 1.000,00 € (euro Mille/00).
In ogni altro trasferimento immobiliare oneroso non imponibile ad IVA la tassazione è pari al 9% sempre con un minimo di 1.000,00 € (euro Mille/00) ad eccezione dei conferimenti di immobili in società (non imponibili ad IVA) che sono soggetti all’aliquota del 4%.
In tutti i casi in cui vengono applicate le aliquote del 9% e del 2% le imposte ipotecaria e catastale sono dovute nella misura fissa di 50,00 € (euro Cinquanta/00) ciascuna, mentre al di fuori dell’applicazione di queste due aliquote sono dovute nella misura di 200,00 € (euro Duecento/00).